lunedì 18 aprile 2016

Primavera


Oggi la scuola è chiusa per via delle elezioni. Un po' di riposo , uno studio  più rilassato, in un tempo  più disteso. C'è un profumo delizioso nell'aria, di primavera,  è il profumo dei fiori. Questa settimana sarà comunque impegnativa: lavorerò tutti i pomeriggi. C'è un vento terribile  che spazza via tutte le nuvole dal cielo. È rimasto un cielo privo di nuvole, azzurro che lascia intendere la gioia e la pace delle domeniche tranquille primaverili. Passerà veloce questo tempo, tornerà il tempo degli esami e finirà quello della preparazione. Intanto sono riuscita anche a leggere un libro che una mia collega mi ha imprestato. Un libro bellissimo pieno di emozioni e soprattutto racconta di una storia realmente accaduta. Quando finirò di leggerla sicuramente rifletterò su di essa e ne parlerò anche qui. È una storia piena di emozioni, di attualità. Infatti tratta dell'integrazione di due bambini etiopi adottati dalla famiglia e quindi racconta con coinvolgimento le difficoltà che la famiglia dovrà incontrare e superare. Racconta però anche le gioie, le emozioni , sia dei  bambini che di tutta la famiglia. Questo racconto coinvolge perché racconta di una storia vera. Domanda, interpella,  chiede di coinvolgere la vita, la mia vita in modo concreto.